Peru del Nord: da una cordigliera all’altra

Peru del Nord: da una cordigliera all’altra

Cajamarca e la morte dell’ultimo imperatore Inca

Percorso da brividi

Sesta puntata
Domenica dedicata ad un nuovo attraversamento delle due catene della Cordigliera, da Est a Ovest su strada da brividi, stretta, in parte in terra battuta e in vari punti su fondo di fango, che serpeggia su per la montagna costeggiando burroni avvolti nella nebbia, da cui ogni tanto emergono esseri umani e animali che anche in questo habitat estremo sono riusciti a ritagliarsi un minimo di spazio vitale.

Gli incroci di veicoli sono estremamente problematici e guardare dalla parte dello strapiombo mi mette le vertigini;  mi consola che, partendo presto, sarà improbabile incontrare qualcuno proveniente dalla parte opposta.

Peru: pendici della cordigliera occidentale

Peru: pendici della cordigliera orientale

Ogni tanto qualche tratto franato ci obbliga ad evitare mucchi di detriti a monte della strada e a guardare con un po’ di preoccupazione a valle, dove ampie voragini si aprono a poca distanza dalle gomme del nostro pulmino.

Quando la nebbia si dirada i panorami sono mozzafiato. Dopo il passo Calle Calle, in alcuni punti si intravede il fondo valle con le larghe anse del fiume Maranon, dal colore del fango e gonfio per le recenti piogge.

 

Il viaggio ci ha portato da Leymebamba a Cajamarca attraversando prima la cordigliera Orientale e poi quella Occidentale, scendendo nella valle che divide le due catene a Balzas, dove il caldo torrido é intorno ai 35 gradi e affrontando due passi rispettivamente di 3600 e 3126 metri di altitudine , non senza avere sostato per un trekking al sito Kuntur Wasi (“la casa del condor” in quechua).

Sito di Kuntur Wasi: la clessidra

Sito di Kuntur Wasi: stele cerimoniale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cajamarca é stata una delle città più importanti dell’impero Inca.

L’origine del clan Inca si perde nel tempo: quello che è certo è che Pachacuti nel 1463 dà inizio a una monarchia assoluta e teocratica.

Con questo condottiero il Tauhantinsuyu (che significa “i quattro quarti insieme”, a indicare la vastità dei territori dove le culture preincaiche sono state sottomesse) diventa un impero che occupa gran parte dell’America meridionale.

Vengono costruiti templi dedicati a Inti, il dio sole, per legare spiritualmente i popoli battuti, fortezze a difesa del territorio, palazzi, una rete viaria adatta a comunicare in tempi brevi e un sistema di irrigazione efficiente per la produzione agricola: in breve, una perfetta macchina di conquista e di potere.

Gli Incas hanno sottomesso i popoli che li hanno preceduti, ma gli Spagnoli si sono serviti degli sconfitti per aizzarli contro l’antico nemico.

Pur così potente, l’impero che aveva in Cuzco la sua capitale, vede il suo tramonto dopo meno di un secolo ad opera di Pizarro, che trasforma Cajamarca nella più spagnola delle città peruviane.

Atahualpa indica il limite dell’oro con cui riempire la stanza del riscatto

L’uccisione di Atahualpa, ultimo imperatore Inca

È qui che le due culture si sono scontrate, ed è qui che l’ultimo imperatore Atahualpa è stato prima preso prigioniero, poi costretto a pagare un riscatto e infine assassinato con l’inganno nell’anno 1533.

Nella stanza del riscatto, il “cuarto del rescate” si vede ancora una linea rossa che indica il livello tracciato dall’Inca che si impegnò a raccogliere altrettanto oro e argento pur di ottenere la libertà. Atahualpa mantenne il suo impegno. Non altrettanto gli Spagnoli… Ma si sa, la storia viene scritta dai vincitori…

Daniela Bosshart

Invia il messaggio

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.