Peru del Nord un assaggio di Amazzonia peruviana

Peru del Nord un assaggio di Amazzonia peruviana

Dal Pacifico all’Amazzonia

Tra una cordigliera e l’altra… 

Quarta puntata

Per noi europei andare verso Nord significa andare al freddo, per un peruviano, invece, andare a Nord vuol dire andare verso l’equatore, e cioè sempre più al caldo.
Dal Pacifico all’Amazzonia. Un lungo viaggio di oltre 450 chilometri ci porta ad attraversare le Ande in un punto a nord di Chiclayo dove la catena è meno elevata. Da un passo a circa 2200 metri di altitudine si scende verso la regione Amazonas, dove si trova anche la località più calda del Peru.

Un tratto del Maranon nel Peru amazzonico

 

Sembra che all’epoca della conquista spagnola, Francisco de Orellana, inviato da Pizarro alla ricerca dell’Eldorado e del  “paese della cannella”, abbia visto e combattuto contro indigeni con capelli lunghi e li abbia scambiati per donne guerriere: da qui il nome amazzoni.

Dal punto di vista geografico i fiumi che dalla linea di spartiacque corrono verso Est sono più lenti ma ben più lunghi di quelli che si gettano nel Pacifico.

Noi seguiamo per un buon tratto il corso del Maranon, che, dopo essersi unito all’Uctubamba, confluisce nel rio delle Amazzoni e percorriamo la sua fertilissima valle fino a risalire infine verso Cocachimba.

Risaie lungo il fiume Maranon

 

Coltivazione del riso lungo il Maranon

Sul percorso troviamo dapprima un panorama arido in corrispondenza dei contrafforti sul Pacifico, poi, scendendo nella valle tra le due cordigliere,   la strada, a causa di recenti violenti acquazzoni, è spesso interrotta da frane e cadute di grossi massi; infine il panorama si fa più ampio e il terreno sempre più coltivato.

In basso, nella valle del Maranon,  la vegetazione infittisce, gli alberi sono di un verde incredibilmente brillante e molto alti.

Qui si fanno crescere i manghi non per raccoglierne i frutti ma per nascondere le coltivazioni di coca, con annessi laboratori illegali, trafficanti per il mercato nero e personale esperto nel tagliare e preparare il prodotto finale (nel gergo dei cocaleros  i “cuochi” sono coloro che confezionano le partite di stupefacenti e “cucina” è il laboratorio…).

Tutto ciò anche se in Peru esistono piantagioni legali, ma il prezzo della coca stabilito dal governo è basso, e quindi non appetibile.

Niente foto delle coltivazioni: meglio non finire “pizzicati”…

Risaie nella valle del Maranon

Naturalmente ci sono ampi appezzamenti dedicati agli alberi da frutto e soprattutto al riso.

Ci ha colpito la velocità con cui i peruviani, pagati a cottimo, piantavano per ore e ore il riso nel terreno allagato e la furia con cui si sono avventati sul camioncino che distribuiva i mazzi di piantine per non perdere neanche un minuto prezioso, a schiena curva per ore immersi nel fango e preda delle zanzare

A Cocachimba la finestra della nostra camera si apre di fronte alle cascate di Gocta, tra le più alte del mondo: si tratta di un emozionante salto di 771 metri, da sempre noto agli indigeni, per i quali è una semplice manifestazione della natura, ma scoperto da un tedesco solo nel 2002.

Da allora è diventato un’attrazione. Nemmeno noi possiamo sottrarci a un trekking in direzione delle cascate, in un ambiente di foresta pluviale, piuttosto umido, dove le tonalità del verde sono innumerevoli e il colore dei fiori è intenso e acceso.

Regione Amazonas: lussureggiante vegetazione equatoriale

Regione Amazonas: cascate Gocta a Cocachimba

 

 

 

 

 

 

Daniela Bosshart

Invia il messaggio

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.