Peru del Nord: culture precolombiane e droghe sacre

Peru del Nord: culture precolombiane e droghe sacre

Trujillo e Chiclayo: tribu Chimù e Mochica

Il cactus San Pedro, droga cerimoniale

Terza puntata
Un viaggio nel Perù del Nord, come io per prima ho scoperto, è essenzialmente un viaggio di conoscenza delle culture preincaiche, ben più antiche di quella Inca, che pure é la più nota, quali le tribu Chimù e Mochica.

A poca distanza da Trujiĺlo (siamo vicini ai confini con l’Ecuador), sulla costa Pacifica, si trova l’insediamento di Chan Chan, dissepolta dalle sabbie del deserto e oggi patrimonio UNESCO.

Si tratta di una delle più grandi città in adobe del Sud America; adobe sono i mattoni crudi fatti di argilla, sabbia e paglia, con i quali il popolo Chimù fin dall’anno 850 a. C. ha eretto nove cittadelle su una vasta area, ognuna circondata da una massiccia cinta muraria alta fino a 18 metri, che il tempo, l’erosione e le conquiste, prima da parte degli Inca e poi degli Spagnoli, hanno ineluttabilmente danneggiato.

Cultura Chimù elementi decorativi dal sito di Chan Chan

 

 

Cultura Chimù: sito di Chan Chan

Sempre a Trujillo si entra in contatto con il popolo Mochica, che ha lasciato le sue tracce soprattutto nella Huaca del Sol e in quella della Luna.

Huaca in lingua quechua significa “luogo sacro ” e solitamente si tratta di una piramide.
Anche qui, purtroppo, gli Spagnoli sono stati responsabili di irreparabili danni alla Huaca del Sol: nel XVII secolo hanno infatti deviato le acque del rio Moche facendole scorrere ai piedi della piramide, per facilitarne la disgregazione ai fini di un più facile recupero di ciò che a loro più interessava, e cioè artefatti in oro dal tempio.

Piramide della luna a Trujillo: area dei sacrific

 

Nella piramide della luna, meglio conservata e magnificamente scolpita, davanti all’altare dei sacrifici, non posso fare a meno di pensare alle vittime ammansite da droghe, in attesa di essere immolate al terribile dio Aia Paec al fine di placare gli eventi atmosferici nefasti, come quelli causati periodicamente ma imprevedibilmente dal Nino (Proprio il Nino ha causato anche nel 2017  spaventose alluvioni con numerose vittime e gravissimi danni alle infrastrutture del paese, provocando la cancellazione del nostro viaggio in Peru inizialmente previsto nell’aprile di quell’anno…).

Trujillo piramide della luna: il dio Aya Paec, che stringe in mano la testa di una vittima

Piramide della Luna a Trujillo: parete scolpita e decorata

Puntiamo decisamente a Nord, verso Chiclayo per visitare il sito Mochica della Huaca del Brujo, la piramide dello sciamano.
Nel sito il misticismo è quasi tangibile: è un luogo desertico, da sempre frequentato dai seguaci di sette che qui celebravano e celebrano ancora in segreto cerimonie esoteriche sotto gli effetti dell’uso di estratti di cactus San Pedro.
Il mistero aleggia anche sulle modalità della scoperta nel 2004, sempre in questo luogo magico, delle spoglie e del ricco corredo funerario di una mummia chiamata Signora di Cao. Si dice che il responsabile degli scavi abbia scelto il punto più adatto sotto l’influsso del cactus.

Chiclayo, tomba della signora di Cao

La signora di Cao, i suoi tatuaggi e il suo tesoro in oro e argento hanno rivoluzionato le teorie sociologiche che volevano la donna al gradino più basso della società Moche: tanta ricchezza ha portato gli esperti a dedurre che erano in presenza non solo di una regina, ma anche di una sciamana di alto rango.

Il Trichocereus pachanoi è un cactus colonnare alto alcuni metri, dalle potenti proprietà allucinogene, il cui principio attivo più importante è la mescalina, usato da più di 3000 anni dalle popolazioni locali sia a scopi terapeutici che per entrare in contatto con la divinità.

Con l’arrivo degli Spagnoli e della loro tradizionale visione del mondo cristiano, l’uso del San Pedro è stato addomesticato in una sorta di trasformazione dallo stato modificato di conoscenza indotto dalla droga nello sciamano a un’ estasi religiosa cristiana, con il nome riferito direttamente al San Pietro del Nuovo Testamento

Se, come è successo a me, vi prende la curiosità, on line si possono trovare siti dove il cactus è commercializzato e dove si può imparare a prepararlo, con processo di bollitura o congelazione, trasformazione in gelatina etc. etc. Provare per credere!

Cactus San Pedro pronto per essere riprodotto o per preparazioni psichedeliche…

Scultura di sciamano con cactus San Pedro dal sito di Chavin

Daniela Bosshart

Invia il messaggio

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.