Blog

Tesseramento 2021

Essere Soci CAI significa far parte di una grande famiglia, con cui condividere la passione per la frequentazione in sicurezza della montagna.

E avere accesso ad una serie di vantaggi esclusivi, oltre a sostenere progetti per il territorio locale (Sentieri e Rifugio Pirlo).

Scopri tutte le modalità per iscriverti o rinnovare la Tessera o per regalare l’Iscrizione ad un amico.

ISCRIVITI/RINNOVA

Sede aperta a marzo VENERDI’ dalle 20,30 alle 21,30

A marzo la sede sara’ aperta il venerdi’ sera dalle 20,30 alle 21,30.

Anche su appuntamento. Esclusivamente per rinnovo tesseramento, ritiro bollino o nuovo socio.

Per informazioni contattare il cell. Cai Salo’ 338.3087081 (anche whatsapp)

 

Rinnovo bollino 2021 tramite Bonifico Bancario

La sede della sezione rimarra’ aperta il venerdi’ sera dalle 20,30 alle 21,30 in base al nuovo decreto e allo stato di emergenza sanitaria.

Vi e’ la possibilita’ di fare il rinnovo del bollino 2021 tramite bonifico bancario.

Di seguito le indicazioni per poter procedere al bonifico:

Tariffe 2021 invariate, in base alla categoria:
– Ordinario:  € 45
– Famigliari: € 25

– Ordinario juniores (nati dal 1996 al 2003): € 25
– Giovani (nati dal 2004): € 16

IBAN: IT80 F056 9655 1800 0000 9049 X62

IMPORTANTE: nella CAUSALE indicare “rinnovo tesseramento” con nome e cognome del tesserato.

In caso di piu’ rinnovi, indicare tutti i nomi nella Causale.

Il bollino verra’ ritirato in sede, nei punti rinnovo Cai (a breve negozi a Salo’, Raffa di Puegnago, Gargnano e Bar a Maderno) o previ accordi con la segreteria.

I nuovi soci devono compilare il modulo che si trova sul sito alla voce “La Sezione” , cliccare Tesseramento (in fondo alla pagina). Aggiungere  6 euro per la tessera. Oppure contattare il 338.3087081

 

Informazioni al cell 338.3087081 (anche whatsapp) o email caisalo@libero.it

2020: Chiusi, ma non fermi.

Parafrasando la pubblicità  di una nota destinazione turistica montana, che dagli schermi TV raccontava in questi giorni che ‘Aspettare non vuol dire stare fermi’.

L’anno che si è appena concluso è stato molto difficile per tutti. L’impatto della pandemia ha provocato dolore e sofferenza, ci ha imposto cambiamenti nella vita lavorativa, in ambito famigliare e limitazioni nelle attività del tempo libero.

Per noi amanti della montagna, le limitazioni imposte dalle normative anti-covid hanno significato, per buona parte dell’anno dover rinunciare ai progetti di escursioni, trekking, scalate o anche di semplici camminate tra i monti.  Cosa che abbiamo fatto con grande senso di responsabilità.

Anche le attività della nostra Sezione sono stata molto impattate. Non abbiamo potuto effettuare molte delle Gite Sociali programmate; abbiamo dovuto cancellare alcuni dei Corsi che avevamo scrupolosamente preparato; non abbiamo potuto trovarci per condividere in piacevoli serate pubbliche i racconti di grandi personaggi della montagna.

Ma questo non significa che ogni attività della Sezione si sia arrestata. Anzi. Grazie alla dedizione dei Soci volontari (pochi, ahimè),  tante iniziative, magari poco visibili, sono state portate a buon fine. Vale la pena ricordarne alcune, per ringraziare i Soci che vi hanno dedicato il loro tempo e per sottolineare l’importanza di sostenere, tramite la Sottoscrizione della Tessera della Sezione CAI di Salò, fondamentali iniziative a favore del territorio montano del nostro territorio.

Abbiamo proseguito l’opera di pulizia e di segnatura di numerosi sentieri del nostro territorio, tra i quali:

  • Sentiero scorciatoia da dalla località Prade al Passo Spino
  • Sentiero che dalla Santella degli Alpini a Villa porta al Lago di Lucone
  • Sentiero che da Raffa di Salò porta ai Laghi di Sovenigo e al monte Forca
  • Ripristino della vecchia rete sentieristica del Comune di Puegnago, incluso il prolungamento del percorso della Bassa via Del Garda (BVG)
  • Numerosi interventi di rimozione di alberi e rami dopo episodi di forte maltempo o nevicate

 

Con il fondamentale supporto della Guida Alpina Stefano Michelazzi  abbiamo ridato nuova vita al “Sentiero Alpinistico dei Tre Amici” al Pizzoccolo,  con un nuovo percorso, in parte attrezzato con corde fisse, che aggiunge ulteriore interesse ad una delle nostre montagne simbolo

Sono poi proseguiti i lavori per il miglioramento strutturale del Rifugio Pirlo allo Spino  e delle strade e sentieri che lo raggiungono.

Abbiamo infine collaborato con le Amministrazioni Comunali dei Comuni di Toscolano Maderno e di Puegnago per la mappatura digitale dei sentieri del loro territorio.

Come vedete: chiusi, ma non fermi!!

       

 

Convenzione tra negozio Alpstation Brescia e Cai Salo’

Convenzione tra CAI sezione di Salò e Alpstation Brescia,

via A. Diaz 23/A, 25010 San Zeno Naviglio (Bs)

Tel. 030.8374251, Fax 030.8374445

Decorrenza dal 01/07/2020 al 31/07/2021

La Convenzione prevede un trattamento agevolato nell’acquisto di abbigliamento ed attrezzatura tecnica nelle seguenti modalità:

– 15% su abbigliamento;

– 15% su calzature trekking;

– sui prodotti di editoria non sono previsti sconti così come su apparati elettronici.

Lo sconto è da intendersi come strettamente personale e non usufruibile da parte di terzi: la direzione si riserva il diritto di revocare lo sconto se richiesto per utilizzi diversi da quanto stabilito.

Sconto indicato sul prezzo di vendita al pubblico sui prodotti non scontati.

L’applicazione degli sconti potrà avvenire solo previa esibizione da parte dell’acquirente della tessera di identificazione/associativa nominativa, oltre che della carta d’identità, prima della chiusura dello scontrino di cassa.

Sentiero dei Tre Amici

Sentiero alpinistico dei Tre Amici.

Finalmente dopo tanto lavoro si è concluso il restyling del Sentiero dei Tre Amici. Voluto da tre amici, appunto, Italo Bazzani, Ettore “Giamba” Usardi e Narciso Usardi è stato rimesso in percorrenza per volontà del CAI di Salò grazie al contributo del Comune di Toscolano Maderno – Assessorato alla Turismo, Cultura e Sport . I lavori sono stati eseguiti dalla guida alpina Stefano Michelazzi, che ha sponsorizzato buona parte dei lavori cui va il nostro più sentito ringraziamento.

I lavori iniziati nel dicembre del 2019 sono stati ultimati a fine maggio (Covid permettendo), il 25 maggio 2020 il percorso è stato ispezionato da alcuni membri, guidati dalla vice-presidente Redinella Ligu (Lella) della Commissione Sentieri del CAI di Salò che accompagnati dalla guida alpina Stefano Michelazzi hanno constatato l’alta qualità dei lavori eseguiti. Nella circostanza hanno segnato il tracciato apponendo la segnaletica orizzontale classificando il sentiero con il numero 202B.

Il percorso è ora completamente agibile e fino al Belvedere è aperto a tutti, dal Belvedere in poi è consigliato solo agli escursionisti esperti e dopo il Corna del Sera si deve procedere in sicurezza con imbrago e casco, perché il tratto fino al Monte Pizzocolo è stato classificato EEA ovvero Escursionisti Esperti Attrezzati. Prima dell’attacco alla Corna del Sera è prevista una deviazione per gli escursionisti che non se la sentono di affrontare il percorso attrezzato. La deviazione si innesta sul sentiero che trasforma la famosa “Cresta Est” (di prossima ispezione CAI) in tratto escursionistico finale.

L’apertura del Sentiero dei Tre Amici è un tassello sulla consolidata volontà del Comune di Toscolano Maderno, nell’assessore Alessandro Comincioli e nell’amministrazione comunale tutta, di trasformare la catena Forametto-Marmera-Monte Spino-Pizzocolo in un grande parco alpinistico al servizio del turismo escursionistico. Turismo che apprezza le bellezze e le opportunità di svago del Parco Alto Garda Bresciano e che vede nella rete sentieristica, partendo dalla BVG, una grande opportunità di sviluppo e propagazione della Cultura della Montagna, anche in occasione della seconda edizione del Festival della Montagna, organizzato dalla dott.ssa Claudia Grottolo in collaborazione del CAI di Salò.

Un augurio a tutti di buona frequentazione della montagna.

Il presidente

Corrado Corradini

Segue la scheda di descrizione del Sentiero dei Tre Amici a cura della guida alpina Stefano Michelazzi.

“Sentiero alpinistico dei 3 amici”

Dedicato alla memoria dell’accademico Italo Bazzani

Primi salitori: Italo Bazzani, Ettore “Gianba” Usardi, Narciso Usardi Difficoltà: EEA/III°+

Dislivello circa 1000 m. Sviluppo molto lungo

Accesso:

dalla Località Persegno (cartelli indicatori 3 amici) raggiungibile percorrendo la Valle delle Camerate.

A fine strada presso una casa con sbarra si parcheggia.

Percorso:

Risalire lungo la strada agro-silvo-pastorale che affianca la casa (indicazioni) per entrare dopo pochi metri nel bosco .

Proseguire lungamente nel bosco seguendo ometti e bolli segnavia, arrivando ad un belvedere esposto sulla valle.

Da qui si segue in continuità, con difficoltà escursionistiche a tratti impegnative, il crinale che conduce verso la cresta sud della Corna del Sera, la bastionata rocciosa che immette nella cresta est del Monte Pizzocolo (a metà possibile deviazione su variante alpinistica difficile EEA 3°+).

Si segue la cresta superando alcuni passaggi più difficili, attrezzati con corde fisse (passamani), raggiungendo infine la cima della Corna del Sera collegata al Monte Pizzoccolo da una cresta ampia e divertente con panorami mozzafiato a 360° sul lago di Garda e sulla Vallesabbia.

Una cengia esposta ma non difficile (attrezzata) ed una successiva rampa discendente conducono nei pressi di una selletta la quale rappresenta il collegamento diretto con la parete est del Monte Pizzocolo,

Si seguono una serie di risalti parzialmente rocciosi che conducono ad una corda fissa la quale permette di superare la fascia rocciosa incombente giungendo ad un plateau a circa 60 metri dalla cima.

Una breve cengia seguita da un facile diedrino ed un ultimo passaggio strapiombante (tratti attrezzati) immettono sugli ultimi venti metri di percorso che lungo gradoni erbosi e rocciosi porta in vetta. (5-6 ore)

Discesa:

dalla cima si segue il sentiero che passa davanti al visibile bivacco “2 aceri” e conduce al Passo Spino. Dal passo lungo la trattorabile fino alla Località Archesane dove lungo la rotabile si rientra al parcheggio. (3-4 ore)

E’ prevista prossimamente l’apertura di una variante completamente escursionistica (EE+) che eviterà i tratti attrezzati e permetterà di raggiungere la cima senza alcuna difficoltà alpinistica.

RELAZIONE D’ATTREZZATURA E RESTYLING

La riattrezzatura e le variazioni al percorso originale, hanno impegnato circa 30 giornate di lavoro. Il percorso parte ora con una condizione ove vengono evitati quasi del tutto i tratti su terreno privato, entrando dopo pochissimo in zona demaniale.

La traccia risulta allargata (disbosco) e ben visibile, la segnaletica è composta da ometti di pietra e segnavia bianco/rosso, posizionati nei punti cardine.

Un cartello è stato posto al bivio tra percorso originale e variante centrale. Altri cartelli nei bivi. Variante centrale: tratto più impegnativo dedicato a persone capaci di percorrere tratti di arrampicata elementare. Il passaggio più difficile è stato valutato di 3° superiore ma la presenza costante e continua di corda fissa permette di superarlo anche aiutandosi esclusivamente con la stessa (EEA).

Diversi tratti del percorso originale hanno subito variazioni di rilievo con spostamento totale della vecchia traccia che non permetteva una fruizione fluida ed obbligava a volte a passaggi forzati tra piante difficilmente disboscabili, in quanto parte integrante del terreno che sarebbe rimasto gravemente indebolito non permettendo una progressione costante e nei limiti della sicurezza elementare.

Il tratto superiore che si immetteva in una conca prativa scivolosa e senza possibilità di posizionare ancoraggi atti a garantire una percorso almeno parzialmente protetto, è stato completamente cambiato, preferendo la zona rocciosa a sinistra dove sono stati attrezzati i passaggi più difficili, ripulito dalle poche piante, modellate le zolle erbose creando una serie di gradini che facilitano la progressione.

Le attrezzature utilizzate sono stati tasselli ad espansione tipo fix da 10 mm e 12 mm, con piastrine o golfari.

E’ stata utilizzata corda sia di tipo statico sia di tipo dinamico da 10,5 mm ed nei punti meno problematici da 9mm. (Totale 260 m lineari di corda).

La corda non metallica garantisce un assorbimento dinamico che evita shock traumatici alle attrezzature metalliche (ancoraggi e moschettoni), consentendo anche una progressione più “morbida“. La tensionatura delle corde è di tipo misto “all’italiana” ed ”alla francese” a seconda della condizione del terreno.

I tratti attrezzati del percorso originale sono stati rimossi ovunque onde evitare che vi siano errori di percorrenza e l’utilizzo di materiali obsoleti e poco consoni (cavetti da 3 e 4 mm).

CONTRIBUTI

Parte dei costi dell’opera per circa 1/4 dell’ammontare totale si deve al Comune di Toscolano Maderno tramite contributo devoluto alla Sezione di Salò del C.A.I., la quale ha girato lo stesso alla Guida Alpina Stefano Michelazzi .

I restanti 3/4 sono stati a totale carico della Guida Alpina Stefano Michelazzi.

Scheda Waymarked Trails:

key value
cai_scale ee+
from Persegno (Toscolano Maderno)
name Sentiero dei Tre Amici
network lwn
network:type Local
operator Comune di Toscolano Maderno
osmc:symbol red:red:white_stripe:202B:black
ref 202B
route hiking
source survey:CAI sez. di Salò
to Monte Pizzocolo (Toscolano Maderno)
type route

Traccia GPX; Traccia KML: clicca su qui, poi apri la finestra cliccando sul numero del sentiero e scarica.

 

Escursione alle Lobbie – Rifugio Caduti dell’Adamello 1-2 maggio 2021

Escursione alle Lobbie con pernottamento al Rifugio Caduti dell’Adamello a 3040 mt.

Ciaspole, scialpinismo e ramponi

da Passo Tonale (funivia) e Passo Presena

disl.: 1° gg. 600 mt. + 2° gg. 600 mt. – Tempo tot. 1° gg. 6 ore + 2° gg. 6 ore – diff.: Alpinistica

Obbligo attrezzatura: imbragatura e ramponi, con verifica materiale in sede.

Accompagnatore: CAI Salo’

Ritrovo: ore 5,30 parcheggio Centro Agricolo a Salo’

Per info e iscrizioni: Cai Salò 338.3087081

posti limitati, costi mezza pensione rifugio e a/r funivia (euro 55 + 18)

SAVE THE DATE: AVVISO RELATIVO ALLA GITA “SEMPREROSA” DI AGOSTO 2020 “5 GIORNI TRA ODLE E PUEZ”

Nel calendario gite 2020 della sezione CAI di Salò è inserita la gita “Semprerosa” di 5 giorni nel meraviglio contesto delle dolomiti tra Val Gardena e Val di Funes.

Sono disponibili 14 posti: le iscrizioni si ricevono fino ad Aprile 2020 e fino ad esaurimento posti, con il versamento di un anticipo di 50 euro.

Gli interessati possono vedere tutte le informazioni sulla gita disponibili nella pagina di Agosto del calendario gite 2020 oppure possono chiederle via whatsapp al nr. 3470870979 e verranno richiamati.

La sezione CAI di Salò organizza una bella e facile escursione sui monti della Lessinia

Gruppo escursionismo seniores: Rinviata a mercoledi’ 26 febbraio 2020 l’escursione al monte Tomba e al monte Sparavieri (VR).

Una bella e facile escursione con le ciaspole tra le montagne più alte della Lessinia. Il monte Sparavieri col monte Tomba sono uno splendido balcone sulle colline veronesi da un lato, e le Piccole Dolomiti dall’altro.

Direttore di escursione: Carlo Cerretelli (347.9019632)

Partenza: ore 7:30 Parcheggio Centro Agricolo Salò, ore 8 parcheggio A4 Desenzano

PERCORSO

Partenza da S. Giorgio di Bosco Chiesanuova (mt. 1494), dalla zona impianti. Si prende il lato destro della valle attraversando un paio di piste da discesa (attenzione a non invadere le piste di fondo, tenersi al di fuori). Si segue il sentiero CAI n° 250, e dopo un po’ lo si abbandona per dirigersi verso la Bocca Caibana (mt. 1576).

Si prosegue in direzione nord-est lungo la dorsale ed in circa 2 ore si raggiunge la vetta del monte Sparavieri (mt. 1797): da qui si può ammirare il gruppo del Carega, le montagne trentine e all'opposto la costiera del Baldo. La cima, dal profilo dolcissimo, solitaria e ventosa, si affaccia sulla profondissima valle dei Ronchi; un filo spinato, parzialmente sommerso nella neve, delimita il vertiginoso balzo roccioso.

Si scende verso la località Pozza Morta e con un percorso a saliscendi si prosegue fino a raggiungere il rifugio Primaneve, praticamente sulla cima del monte Tomba (mt. 1766) (tempo totale 3 ore).

Qui si fa la sosta per il pranzo, o al sacco o al rifugio.

Si ritorna quindi a San Giorgio, quasi sempre attraverso la pista di servizio al rifugio.

N.B. In caso di scarso innevamento si effettuerà l’escursione lungo il sentiero 250 sino alla località Pozza Morta, da qui si raggiunge la cima Sparavieri. Indi si prosegue come nella precedente descrizione. Come attrezzatura al posto delle ciaspole i ramponcini.

Caratteristiche dell’escursione e attrezzature consigliate

Altezza max: 1797 mt

dislivello salita/discesa: 500 mt

Tempo salita: 3 ore

tempo discesa: 1 ora

tempo totale: 4 ore

Totale KM: 12

Difficoltà: EAI

Fatica F3 (scala da 1 = fatica minima a 3 = fatica massima)

Attrezzatura:

bastoncini scarponi abbigliamento da alta montagna Ciaspole (nel caso di scarso innevamento come attrezzatura al posto delle ciaspole i ramponcini).

Note

Acqua lungo il percorso

copertura cellulare: parziale

Clicca qui per il PDF dettagliato delll’escursione.

Giovedì 13 febbraio la sezione CAI di Salò presenta la serata con Cristian Andreis e Cristian Ardenghi

Terza serata della rassegna “La montagna da leggere: cammino in libertà”

Sono due i protagonisti della terza serata della rassegna “La montagna da leggere: cammino in libertà” che vuole raccontare la montagna e indagare, attraverso piccole e grandi storie, i diversi modi in cui l’uomo si relaziona con essa.

Giovedì 13 febbraio presso la Biblioteca comunale di Salò alle ore 20,30 Cristian Andreis e Cristian Ardenghi presenteranno il reportage fotografico: Istanti di natura – atmosfere colori ed emozioni

La serata quindi si rivolge a tutti coloro che vedono e sentono la meraviglia della natura intorno a noi, che rimangono incantati davanti alla bellezza di un paesaggio, che si emozionano per un tramonto pieno di colori e che vivono la natura dall’ammirazione per la perfezione di un minuscolo fiore  alla grandiosità del cielo.

Un sentito ringraziamento alla Biblioteca comunale di Salò e ai nostri sponsor : Centro Agricolo Gardesano, Cartolibreria Quadrifoglio, Autoriparazioni Manghi Rudy, Ottica Bianchi e Ortopedia Signori.