Blog

VENERDI’ 13 DICEMBRE CENA SOCIALE per tutti i soci, amici e parenti

Consueta cena sociale Venerdì 13 dicembre ore 20,00 presso l’ Agriturismo “il Bagnolo Eco Lodge” a Serniga, frazione sopra Salo’.

Il costo del ricco menu’ e’ di 30 euro.

Aperta a tutti i soci, amici e parenti.

Info e iscrizioni al 338.3087081 possibilmente entro venerdi’ 6 dicembre. Oppure chiamare in sede al 0365.520101 il martedi e venerdi ‘dalle 20,30 alle 22.

Parco Huascaran: picchi nella vallata Huacrapasca

Huascaran, ai piedi del gigante

Perù del Nord: Huascaran, ai piedi del gigante.

Tra lagune turchesi e natura incontaminata, curiosità in alta quota: acqua gasificata e Puya raimondi
Ottava e ultima puntata

Dopo il pernottamento a Monterrey ci prepariamo a salire ancora più in alto, con beveroni a base di foglie di coca consumata in piccoli posti di ristoro.
Spero vivamente di non ripetere la spiacevole esperienza del mal di montagna provata nel precedente viaggio in Peru, dopo l’attraversamento di un passo a oltre 5000 metri e la ridiscesa al lago Titicaca, dove la notte fu un vero incubo, superato solo con l’aiuto della provvidenziale bombola di ossigeno del nostro hotel.

Gli ultimi giorni del viaggio sono dedicati al gigante Huascaran. Attraversiamo il Callejon de Huaylaz, la valle che corre ai piedi della Cordillera Blanca per arrivare alle lagune di Llanganuco, a 3900 metri di altitudine, due gemme di colore turchese ai piedi del massiccio, il più alto del Peru con i suoi 6768 metri. Qui si innalzano montagne tra le più elevate del pianeta, dopo l’Himalaya.

Tra la gialla erba ichu e la laguna scorrono in mille rivoli le acque di fusione dei ghiacciai soprastanti e in questo mescolarsi di terra e acqua pascolano lama, vacche e pecore in pacifica convivenza.
Ai bordi della laguna convivono piante grasse, bromeliacee, totora (usata dagli Uros del lago Titicaca per costruire capanne e barche), e erbe di palude, innaffiate da innumerevoli cascate che precipitano da pareti incredibilmente verticali.

Parco naturale Huascaran: cavalli allo stato brado.

Parco naturale Huascaran: laguna Llanganuco

Sul Huascaran la nostra guida, Carlos, ha recentemente accompagnato un gruppo del C.A.I. di Aosta durante una spedizione. Con partenza da Cashapampa e passando per Punta Union, hanno fatto 9 giorni di trekking, di cui 3 di acclimatamento, sulle pendici di questo gigante. Al seguito si sono inerpicati con loro fino a 5200 metri anche vari portatori, alcuni cavalli e 25 muli, che hanno trasportato viveri, tenda da campo e tende personali.

Huascaran: è visibile la zona di distacco della disastrosa frana nel 1970

Huascaran non è solo una meravigliosa montagna. Nella memoria degli abitanti di Yungai il nome richiama la tragedia del 1970, quando in seguito a un pauroso terremoto una intera parete si è staccata, precipitando a valle e seppellendo sotto metri di fango, neve e ghiaccio l’intero paese, con un disastroso bilancio di 25000 morti.
La ricompensa per la resistenza in alta quota è una succulenta serata “Chez Patrick”, a Monterrey, dove in un fantastico “filet au roquefort” e in un altro “filet mignon” gustiamo il felice connubio tra le arti culinarie di stampo francese della nonna di Patrick e la cucina locale. Ovviamente l’aperitivo è a base di Pisco Sour.

Parco naturale Huascaran: laguna nella vallata Huacrapasca

Durante l’ultimo giorno del tour, sul tragitto Huaraz – Lima facciamo ancora una lunga sosta nel parco del Huascaran prima di scendere definitivamente dalla Cordigliera, addentrandoci nella vallata Huacrapasca, che porta al ghiacciaio Pastoruri. Qui l’unico segno della presenza umana sono i recinti per il ricovero degli animali e le piccole capanne di pietra con il tetto di erba ichu, che fumano nell’aria fredda e tersa del mattino.
Saliamo lentamente fino a circa 4300 metri in un paesaggio incontaminato per ammirare qualcosa di veramente peculiare per questo paese: è la Puya Raimondi, una bromeliacea stranissima, che vive solo a queste altitudini, punteggia i pendii brulli della Cordigliera, da lontano assomiglia vagamente al cipresso e fiorisce dopo 100 anni dalla nascita, per poi morire.

Parco naturale Huascaran: capanne di erba ichu

Parco naturale Huascaran: esemplari di Puya Raymondi

Qui la magnificenza della natura si manifesta nelle lagune che rispecchiano cime di oltre 6000 metri, nei ghiacciai che si vedono scintillare al sole, nel ribollire di acqua gasificata, che crea una sorta di piccolo geyser e che lascia sul terreno pieno di rivoli dei depositi minerali dai colori più diversi.
Di fronte a tanta grandezza, la mia percezione in quanto piccolo essere umano si concretizza in un senso di pochezza e insignificanza.

Parco naturale Huascaran: marchiatura e vaccinazione del bestiame

Ritornando faticosamente sui nostri passi assistiamo a uno spettacolo inatteso: un gruppo di campesinos all’interno di un recinto in pietra cattura gli esemplari della mandria di bovini uno dietro l’altro per procedere a marchiatura o somministrazione di vaccino. Gli animali vengono di volta in volta catturati da almeno cinque uomini, legati e immobilizzati e infine liberati con loro grande sollievo.
Con noi, a godere dello spettacolo, anche un’anziana con il nipotino che però preferisce armeggiare con un telefonino…

Pisco sour: imperdibile

APERTURE RIFUGIO PIRLO ALLO SPINO a dicembre, gennaio e febbraio!

Vi segnaliamo le date di apertura del Rifugio Pirlo allo Spino di dicembre, gennaio e febbraio.

Per informazioni: tel. Rifugio 0365.651177 – info@rifugiopirlo.com

cell. Cai Salo’ 338.3087081 – caisalo@libero.it

 

APERTURE RIFUGIO PIRLO ALLO SPINO DI DICEMBRE, GENNAIO E FEBBRAIO.

SABATO 7/12: Rifugio APERTO

DOMENICA 8/12: Rifugio APERTO

SABATO 14/12: Rifugio APERTO

DOMENICA 15/12: Rifugio APERTO

SABATO 21/12: Rifugio APERTO

DOMENICA 22/12: Rifugio APERTO

LUNEDI’ 23/12: Rifugio CHIUSO

MARTEDI’ 24/12: Rifugio APERTO

MERCOLEDI’ 25/12: Rifugio CHIUSO

GIOVEDI’ 26/12: Rifugio APERTO

VENERDI’ 27/12: Rifugio APERTO

SABATO 28/12: Rifugio APERTO

DOMENICA 29/12: Rifugio APERTO

LUNEDI’ 30/12: Rifugio CHIUSO

MARTEDI’ 31/12: Rifugio APERTO

MERCOLEDI’ 1/1: Rifugio APERTO

GIOVEDI’ 2/1: Rifugio CHIUSO

VENERDI’ 3/1: Rifugio CHIUSO

SABATO 4/1: Rifugio APERTO

DOMENICA 5/1: Rifugio APERTO

LUNEDI’ 6/1: Rifugio APERTO

SABATO 11/1: Rifugio APERTO

DOMENICA 12/1: Rifugio APERTO

Da sabato 18 Gennaio 2020 a domenica 9 Febbraio 2020: Rifugio CHIUSO

Il Rifugio riapre regolarmente nei weekend da sabato 15 Febbraio 2020.

 

 

 

DOMENICA 6 OTTOBRE riapertura della Ferrata Spigolo Della Bandiera.

Si comunica la riapertura della ferrata Spigolo della Bandiera per domenica 6 ottobre. Verra’ anche inaugurata la nuova Falesia al Passo Spino.

 

La ferrata Ernesto Franco è stata dismessa a causa di instabilità geo-morfologica dell’ultimo tratto, le guide alpine Stefano Michelazzi e Guido Bonvicini che hanno curato il disgaggio, hanno proposto di aprire una falesia di arrampicata con sei vie. La Falesia “Passo allo Spino” sarà inaugurata il giorno 6 ottobre.

Prossimamente sarà pubblicato il progetto di realizzazione della falesia con la descrizione di tutte le vie di roccia. La falesia rientra nel progetto di riqualificazione della zona adiacente al rifugio G. Pirlo allo Spino.

La ferrata Spigolo della Bandiera manterrà il percorso originale con qualche aggiustamento di carattere tecnico, sono stati sostituiti tutti i chiodi con fittoni a resina e il cavo è in acciaio certificato. E’ stata leggermente allungata e resa un po’ piu’ impegnativa. Il lavoro è stato eseguito dalle guide alpine Stefano Michelazzi e Guido Bonvicini.

Informazioni al cell. Cai Salo’ 338.3087081 o caisalo@libero.it

DA GIOVEDI’ 17 OTTOBRE ginnastica presciistica e tonificazione muscolare

IL LUNEDI’ E GIOVEDI’
DAL 17/10/2019 AL 16/12/2019
DALLE ORE 19.00 ALLE ORE 20.00
PRESSO LA PALESTRA DELLA
SCUOLA MEDIA G. D’ANNUNZIO DI SALO’

PER INFORMAZIONI ED ISCRIZIONI
RIVOLGERSI AL CELL. 328.2713784
O PRESSO LA SEDE CAI DI SALO’ IL
VENERDI’ DALLE ORE 20.30 ALLE ORE 22.00

DOMENICA 13 OTTOBRE ottobrata al Rifugio Pirlo allo Spino con lo spiedo

FESTA ANNUALE APERTA A TUTTI

PRESSO IL RIFUGIO

PIRLO ALLO SPINO

SPIEDO PATATE POLENTA DOLCI VINO

15 PER ADULTI E € 10 PER BAMBINI

ATTIVITA’ RICREATIVE PER I BAMBINI NEL POMERIGGIO

INFO ED ISCRIZIONI Al CELL. 338.3087081 O PRESSO LA SEDE CAI DI SALO’ MARTEDI’ E VENERDI’

DALLE ORE 20.30 ALLE ORE 22.00

ENTRO GIOVEDI’ 10 OTTOBRE

4-5-6 OTTOBRE FESTIVAL DELLA MONTAGNA al Rifugio Pirlo, al Passo Spino e sul Pizzocolo

Organizzato dal Comune di Toscolano Maderno in collaborazione con il Cai di Salo’ ed altri enti.

Una serie di eventi da venerdi 4 ottobre a domenica 6 ottobre. Consultare la locandina.

Info al 338.3087081 Cai Salo’ o sulla pagina facebook “Festival della Montagna”

DOMENICA 29 SETTEMBRE escursione ai Laghi Gemelli e al Pizzo del Becco, Orobie.

da Carona, Val Brembana (Bg)

Percorso facile: disl. 860 – diff. E – tempo tot. 5 ore

Percorso impegnativo: disl. 1400- diff. EEA II F – tempo totale  7,30 ore   (prsenza di roccetta nella parte finale con arrampicata di I e II grado

Ritrovo: ore 5,30 al Centro Agricolo a Salo’ – ore 6 al casello di Brescia centro.

acc. Roberta Biondo e Valerio Ferrari

Info e iscrizioni al cell Cai Salo’ 338.3087081 o venerdi’ ore 20,30.22 in sede dove saranno presenti gli accompagnatori.

 

DOMENICA 22 SETTEMBRE escursione al Monte Tonale Orientale

Partenza: Ospizio del Passo Tonale.

Dislivello 900m – tempo totale ore 6 – difficolta E

Ritrovo ore 6 Centro Agricolo di Salo’

Accompagnatore: Giovanni Lorigliola

Info e iscrizioni cell Cai Salo’ 338.3087081 o venerdi’ in sede ore 20,30 – 22, tel. 0365.520101

 

DOMENICA 15 SETTEMBRE escursione al Lago di Laghisol e Bocca della Cunella

da Ponte di Pianone per Rifugio Trivena (Tn), Val di Breguzzo

2 percorsi:

percorso ad anello disl. 1330 m – tempo totale ore 8 – diff. EE – sviluppo 19 km

percorso ridotto disl. 900 m. – tempo totale ore 6 – diff. E – sviluppo 10 km

Partenza in auto dal parcheggio Ripa di Roe’ Volciano ore 6,30

acc. Piero Rosa – Enrica Peri – Arialdo Goffi 335.1775723